M5S attacca: “Casta compatta, tutti contro tagli stipendi”

“Quando, in Parlamento, si tratta di accogliere la nostra proposta e di tagliarsi gli stipendi, sono sempre tutti d’accordo nel respingerla. Ed è proprio la vergognosa scenetta accaduta ieri sera, in commissione Affari costituzionali dove, nell’Ufficio di presidenza, quasi tutti i gruppi hanno votato compatti, Lega compresa, nel mandare in Aula il testo della Pdl a prima firma Lombardi, sul taglio delle indennità ai parlamentari, senza poter discutere gli emendamenti. La casta è compatta contro i tagli degli stipendi. I parlamentari sono sempre pronti ad approvare leggi che mettono le mani nelle tasche dei cittadini ma quando, invece, si chiede di mettere le mani nelle loro tasche fanno spallucce e voltano le spalle”.

È’ quanto affermano i deputati M5S della commissione Affari costituzionali della Camera. “Il loro gioco è chiaro – proseguono – lunedì prossimo tenteranno di rimandare il testo in commissione e di rinviare il tutto alle calende greche, magari dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre. Vogliamo proprio vedere con che faccia continuerà il Pd a parlare di risparmi provenienti dalla riforma Boschi quando, con un solo voto, si potrebbero far risparmiare ai cittadini 61 milioni di euro, ben 4 in più rispetto a quelli provenienti dalla riforma costituzionale, approvando una semplice legge ordinaria”. “Il 24 ottobre li aspettiamo al varco perché saranno costretti a gettare la maschera”, concludono.