Napoli, startup: premiata l’idea di due medici. Al team 30mila euro di sede per la cover dedicata agli ipoacusici

Si è svolta presso  la Banca di Credito Cooperativo di Napoli in via Cervantes, 78/86 la finale del contest SeedUp “Dall’idea all’impresa”, che ha premiato il miglior progetto imprenditoriale con 30mila euro. Tra gli oltre 50 team che hanno partecipato al progetto, otto sono quelli arrivati in finale: Mio Garage, Whojoins, CCO, Touring con me e go, BeCreatives, ShokingT, Arredo Shop 3D, Betrivius.

Ad ottenere i 30mila euro di seed, due giovanissimi laureandi in medicina: Lorenzo D’Angelo e Vincenzo Carfora grazie al loro CCO – Cover Conduzione Ossea, un progetto innovativo che può essere lanciato in tempi brevi sul mercato, ma che ricopre anche un profilo socialmente utile.

L’idea è stata pensata infatti per i soggetti ipoacusici, che in Italia sono circa 3 milioni di persone, con lo scopo di migliorare le conversazioni telefoniche tramite rete mobile, grazie al trasmettitore a conduzione ossea inserito all’interno della cover per lo smartphone.

“La cover – hanno spiegato D’Angelo e Carfora – oltre a proteggere il telefono dagli urti presenterà al suo interno un trasmettitore a conduzione ossea che poggiato semplicemente sulle ossa facciali (principalmente sull’osso zigomatico) assicurerà un ascolto chiaro durante la telefonata”.

La  giuria, formata da esperti, docenti universitari, investitori e componenti del cda di SeedUp, ha avuto l’arduo compito di scegliere un solo progetto, tra tanti validissimi. Tanti i curiosi e i supporter dei finalisti che hanno partecipato al contest organizzato da SeedUp Spa con la collaborazione di Bcc Napoli e che si è sviluppato in tre fasi. I team, dopo aver illustrato in poco più di cinque minuti il proprio progetto, hanno risposto alle domande non solo della giuria, ma anche degli esperti e investitori presenti.

“Il nostro impegno – ha spiegato l’amministratore delegato di SeedUp, Alberto Celentano – è  di accompagnamento. Investendo un piccolo capitale iniziale, fungiamo da acceleratore per i giovani imprenditori, offrendo loro servizi, assistenza, tutoraggio e mettendo a disposizione la nostra rete di contatti e di competenze sviluppate nel corso delle nostre rispettive esperienze”.

A guidare il gruppo di esperti,  Amedeo Manzo (Presidente BCC di Napoli), Paolo Stampacchia (Docente di Economia e gestione delle imprese presso l Università Federico II), Gennaro Tesone (Manager area Sud Digital Magics s.p.a) e Amedeo Giurazza (Patron Vertis SGR).

Oltre ai rappresentanti della comunità accademica, anche esponenti del venture capital italiano, ed esperti del settore, con esperienze nella valutazione di idee imprenditoriali e business plan: Giuseppe Lettieri (Meridie s.p.a), Antonio Prigiobbo (NaStartup), Marco Valerio Izzo e Gianluca Marino (Volano), Davide Falco (Banca Sella), Lucio Pessolano Filos (Studio Ansaldi).

SeedUp ha l’obiettivo di supportare, nel loro percorso iniziale, i ragazzi che per la prima volta si affacciano al mondo dell’imprenditoria e offrire l’assistenza necessaria per superare tutte le incombenze organizzative e strategiche che una startup si trova ad affrontare.