Napoli, primo consiglio comunale dell’era Luigi de Magistris bis. Assente Gianni Lettieri

Oggi la prima seduta consiliare al  Maschio Angioino di Napoli per l’era Luigi de Magistris bis.

Poco prima dell’inizio della seduta fuori dal Maschio Angioino si sono registrate protestate dei disoccupati e comitati di Bagnoli e   lavoratori del depuratore San Giovanni che hanno chiesto il pagamento degli stipendi.

La seduta, nonostante il clima non molto sereno, continua il suo corso. È stato osservato un minuto di silenzio per le vittime che viaggiano sui treni pugliesi e per quelle della strage di Nizza.

L’ordine dei lavori prevede l’esame dell’eleggibilità e compatibilità dei consiglieri eletti, l’elezione del presidente del consiglio comunale, l’elezione dei due vice presidente dei consigli, le comunicazione da parte dei consiglieri di appartenenza al gruppo consigliare, il giuramento del Sindaco, comunicazione della giunta e la presentazione del programma, l’elezione della commissione elettorale comunale.  A presiedere l’assise nella sala dei Baroni è il consigliere anziano Gabriele Mundo. Presenti in consiglio comunale 39 su 40, grande assente Gianni Lettieri.

Sandro Fucito eletto presidente del Consiglio, Salvatore Guangi e Fulvio Frezza vicepresidenti. Le opposizioni promettono battaglia.

Dopo aver raccolto oltre 6 mila preferenza come capitalista di Forza Italia la deputata Mara Carfagna come aveva annunciata appena eletta farà una dura opposizione in consiglio comunale .

“Mi auguro che il sindaco De Magistris capisca che non è più il momento di scassaste ma che è il momento di ricucire di rammentare una città che è abbastanza esasperata” queste le parole dell’onorevole Mara Carfagna, in merito alle quote rosa l’ex ministro alle pari opportunità si auspica che il sindaco segui le direttive della legge sulla presenza di più donne nella giunta.

“Un giorno storico” così Roberto Fico membro del direttorio napoletano commenta la presenza dei due grillini in consiglio comunale. I due consiglieri del movimento 5 stelle sono Matteo Brambilla e Francesca Menna che faranno un’opposizione costruttiva.

Anche la democratica Valeria Valente assicura “non farò alcun sconto sarà un’opposizione sarà dura chiederemo al Sindaco di mettere al centro esclusivamente gli interessi della città”.