Papa Francesco: “La fame è un flagello dovuto a cattiva distribuzione risorse”

“La fame è un flagello dovuto a una egoista e cattiva distribuzione delle risorse”. L’accusa di Papa Francesco è contenuta nel discorso rivolto all’assemblea del Programma Alimentare mondiale, durante al visita alla sede di Roma del Pam. “La mancanza di alimenti non è qualcosa di naturale, non è un dato né ovvio né evidente – afferma il pontefice – Il fatto che oggi, in pieno XXI secolo, molte persone patiscano questo flagello, è dovuto a una egoista e cattiva distribuzione delle risorse, a una ‘mercantilizzazione’ degli alimenti”. Spiega infatti il Papa: “La terra, maltrattata e sfruttata, in molte parti del mondo continua a darci i suoi frutti, continua a offrirci il meglio di se stessa; i volti affamati ci ricordano che abbiamo stravolto i suoi fini. Un dono, che ha finalità universale, lo abbiamo
reso un privilegio di pochi”.  Inoltre, osserva ancora il Papa, “abbiamo fatto dei frutti della terra, dono per l’umanità, ‘commodities’ di alcuni, generando in questo modo esclusione. Il consumismo che pervade le nostre società ci ha indotti ad abituarci al superfluo e allo spreco quotidiano di cibo, al quale a volte ormai non siamo più capaci di dare il giusto valore, che va oltre i meri parametri economici. Tuttavia – accusa Francesco – ci farà bene ricordare che il cibo che si spreca è come se lo si rubasse dalla mensa del povero, di colui che ha fame”.

Fonte: AdnKronos