Napoli Teatro Festival: Shakespeare tra De Fusco e Lavia

Al via Napoli Teatro Festival con Shakespeare tra De Fusco e Lavia.
Con La Tempesta diretta da Fabrizio Arcuri in omaggio a Eduardo e Shakespeare (con la voce di Michele Placido, versione in napoletano di De Filippo del 1983) tra i ragazzi del carcere minorile di Nisida, parte questa sera il Napoli Teatro Festival Italia 2016. In programma, 47 titoli in un mese di spettacoli, a rappresentare13 diversi paesi. Sempre oggi, al Nuovo, anche ”Aspettando il tempo che passa” di Emanuela Giordano, mentre debutta sabato al Mercadante il ”Macbeth” con Luca Lazzareschi e Gaia Aprea che Luca De Fusco, come già per ”Antonio e Cleopatra”, ha contaminato di linguaggi multimediali, in un’ambientazione atemporale sospesa tra Medioevo, atmosfere da cinema anni ’40 e uno sguardo al futuro. Ancora questa sera, al Politeama, il ”Kiss and Cry” di Michel Anne De Mey e Jaco Van Dormael e ”Passage throught the world” di Shirin Neshat al Museo Diocesano – Donnaregina Vecchia. Il 15 giugno; il 19- 20 giugno; il 15-16 giugno; e dal 15 al 20 giugno.
FIRENZE – Una notte sola per un universo personaggi. E’ ancora Bardo con ”L’Amleto” che Gabriele Lavia porta sabato al Cortile del Museo Nazionale del Bargello per la rassegna Shakespeare Shaker. Un Amleto che torna dopo gli allestimenti scenici del ’78, dell’81 e dell’84, ma questa volta raccontato, con digressioni, riferimenti storico-filosofici e riflessioni personali sul testo, mettendo in scena la potenza del teatro nel teatro. In un continuo scambio di ruoli Lavia interpreta e racconta tutti i personaggi, da Amleto a Gertrude, da Claudio a Ofelia, entrando nel loro animo e svelando i loro intenti, come i capocomici di un tempo che spiegavano la parte agli attori immedesimandosi nei vari ruoli. Il 18 giugno. ROMA – Due giganti dell’affabulazione per il week end dell’Auditorium Parco della Musica. Domani, re della Cavea sarà Dario Fo con ”Mistero Buffo, la Storia della tigre e altre storie, 2016”, nuova versione del celebre testo scritto con Franca Rame, questa volta con due brani nati da altre due opere: ”La storia della tigre” dall’omonima raccolta del ’79, con un soldato cinese ferito a una gamba che durante la ”lunga marcia” ripara in una grotta abitata da un temibile felino; e ”La parpaja topola” da ”Fabulazzo Osceno” del 1982, satira sul potere che vuole gestire anche la sessualità di ognuno. A grande richiesta, sabato torna invece Gigi Proietti, mattatore, ancora una volta, con i suoi ”Cavalli di battaglia”. Il 16 giugno; e il 18 giugno.
ROMA – Dopo oltre 100 date sold out in tutt’Italia e il grande successo del tour europeo, Fiorello arriva sabato sul palco del Sistina con ”L’ora del Rosario”. Uno show ”analogico”, come lo ha definito, ovvero ”fatto di puro intrattenimento”, tra aneddoti, racconti, gag, improvvisazioni i e duetti con artisti come Mina e Tony Renis, che in ”collegamento” da Las Vegas regalerà allo showman una versione molto particolare della celebre ”Quando Quando Quando”. Regia di Giampiero Solari e musica dal vivo della band diretta dal maestro Enrico Cremonesi. Dal 18 al 27 giugno.
MILANO – Un uomo solo. In coda. Una coda che non si sa quando è cominciata e quando finirà, in un luogo che non si sa bene cosa sia e dove sia, tra altri esseri umani che aspettano di essere chiamati per conoscere il loro destino. Maurizio Micheli è da questa sera al Franco Parenti, in prima nazionale, con ”Uomo solo in fila – I pensieri di Pasquale”, testo di cui è anche autore, per la regia di Luca Sandri. Protagonista, tal Pasquale, appunto, che durante un’interminabile attesa pensa a fatti, illusioni, speranze, inquietudini, canzoni scavate nella memoria. Il 15 e 16 giugno.
Fonte: Ansa