Renato Brunetta: “Con queste amministrative parte l’avviso di sfratto per Matteo Renzi”

“Con queste elezioni amministrative, a Napoli, a Roma, a Milano, a Trieste, a Torino, deve partire il primo avviso di sfratto a Renzi, un presidente del Consiglio mai eletto dal popolo e giunto al potere grazie a un colpo di Palazzo”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, durante una conferenza stampa
organizzata dal partito azzurro a Napoli con Mara Carfagna, Paolo Russo, Carlo Sarro, Stefano Caldoro, Domenico De Siano, Severino Nappi, Antonio Pentangelo.

“Lettieri andrà tranquillamente – ha sottolineato Brunetta – al ballottaggio e poi tra lui e De Magistris i napoletani, senza bisogno di inciuci, sapranno per chi votare”.  “De Magistris – ha aggiunto il capogruppo forzista alla Camera – i napoletani lo hanno conosciuto già prima e poi come sindaco. Lettieri è un imprenditore bravo, capace, quindi penso che dobbiamo andare al ballottaggio con Lettieri, come è ormai dato per certo, e poi i napoletani senza inciuci sapranno decidere”.

Ai cronisti che hanno chiesto cosa ne pensasse dell’appoggio del leader di Ala, Denis Verdini, alla candidata sindaco di centrosinistra, Valeria Valente, Brunetta ha ribattuto: “Verdini è in maggioranza. È decisivo al Senato. È uno scandalo di Renzi e del Pd”. “Renzi dovrebbe andare al Quirinale – ha rincarato il parlamentare azzurro – perché la maggioranza è cambiata. Non sono bastati i circa 40 di Alfano, ce ne sono voluti altri 20. Dall’inizio della legislatura ben sessanta senatori sono passati dal centrodestra al centrosinistra. Senza contare che ci sino 130 deputati ottenuti con il premio di maggioranza poi dichiarato incostituzionale”.