Pompei: Sergio Mattarella inaugura la mostra di Mitoraj e poi visita il santuario

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella accompagnato dal ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, stamane è stato agli Scavi di Pompei per l’inaugurazione della mostra dedicata ad Igor Mitoraj, l’artista franco-polacco che in Italia aveva un’altra patria, scomparso nel 2014.

“Il nostro Paese ha il patrimonio artistico e culturale più grande del mondo. C’è esigenza non solo di conservarlo ma anche di valorizzarlo ed è un nostro dovere farlo, sia nei confronti della nostra storia che del nostro futuro. Ogni investimento per la cultura è speso anche ai fini della crescita del nostro Paese”. Così il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, nel suo intervento. “Questo sito, come tutto ciò che viene prodotto dalla cultura, – ha aggiunto Mattarella –  ha una grande ricaduta per l’intera società anche di carattere economico. Gli investimenti che si fanno nella cultura non sono solo un dovere di qualità della vita sociale ma provocano ricaduta di crescita economica”.

Per Franceschini “oggi è una giornata molto importante perché conferma la rinascita di Pompei che è stato per alcuni anni nel mondo, nel linguaggio dei media nazionali e internazionali, sinonimo di negatività. Sembrava impossibile una stagione di riscatto ma il riscatto di Pompei c’è stato”.

Subito dopo l’inaugurazione il Presidente della Repubblica  ha lasciato gli Scavi di Pompei e ha raggiunto la Basilica dedicata alla Beata Vergine del Santo Rosario per una visita privata. Il Capo dello Stato è stato accompagnato dall’arcivescovo Tommaso Caputo e dal rettore del Santuario, don Mocerino.

Fonte foto: agi.it