Campania, approvato il Piano Cultura e Turismo: in arrivo 185 milioni

Il CIPE, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, ha approvato in questi giorni il Piano Cultura e Turismo, o meglio Piano Strategico ‘Turismo e Cultura’ proposto dal ministro dei beni e attività culturali, Dario Franceschini.

A breve partirà la più grande operazione di restauro e valorizzazione dei beni culturali della storia della Repubblica, come dichiarato dall’esponente di governo. Tale piano  prevede uno sviluppo sociale, economico e civile del territorio con importanti interventi da Nord a Sud dell’Italia.

Un miliardo di euro, attinti dal Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020, è stato stanziato per interventi in tutta Italia, di cui 185 milioni destinati alla sola Campania e rivolti al restauro e alla riqualificazione dei principali attrattori culturali.

Gli interventi saranno così distribuiti:  40 milioni per la Reggia di Caserta con il completamento delle opere di restauro del monumento e del parco;  40 milioni di euro per il restauro e la valorizzarione dell’area archeologica di Pompei e per la continuazione del “grande progetto Pompei”;  30 milioni per il Museo di Capodimonte con il restauro della cinta muraria, il nuovo allestimento delle sale e il miglioramento dei collegamenti con la città; 25 milioni per il parco archeologico dei Campi Flegrei a Bacoli, Giugliano, Pozzuoli-Rione Terra; 20 milioni per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli con opere strutturali per il miglioramento degli spazi espositivi e dell’accesso; 20 milioni per il restauro e il riallestimento del Museo di Paestum e la ristrutturazione dell’ex stabilimento Cirio; 10 milioni per gli scavi di Ercolano per il restauro delle strutture e le superfici decorate della Casa dell’Atrio a Mosaico, dell’Apollo Citaredo, del Colonnato Tuscanico, del Graticcio, del Mobilio Carbonizzato, del Sacello di Legno e del Bicentenario.